Cerca
Cosa c’è di nuovo nella ricerca sul tumore del colon-retto?
Condividi:

Cosa c’è di nuovo nella ricerca sul tumore del colon-retto?

La ricerca è sempre in corso nel campo del cancro del colon-retto. Gli scienziati sono alla ricerca di cause e modi per prevenire il cancro colorettale, modi migliori per trovarlo presto (quando è piccolo e più facile da trattare), e modi per migliorare i trattamenti. Ecco alcuni esempi di ricerca attuale. Il trattamento in uno studio clinico è spesso l’unico modo per ottenere questi trattamenti.

Riduzione del rischio di cancro colorettale

Molti studi stanno cercando di identificare le cause del cancro colorettale. La speranza è che questo possa portare a nuovi modi per contribuire a prevenirlo.

Altri studi stanno cercando di vedere se alcuni tipi di diete, integratori alimentari o farmaci possono ridurre il rischio di cancro colorettale. Per esempio, molti studi hanno dimostrato che aspirina e antidolorifici come questo potrebbero aiutare ad abbassare il rischio di cancro colorettale, ma questi farmaci possono avere gravi effetti collaterali. I ricercatori stanno ora cercando di capire se i benefici potrebbero superare i rischi per alcuni gruppi di persone che si pensava fossero ad alto rischio di cancro colorettale.

Rilevamento precoce

I medici sono alla ricerca di modi migliori per trovare precocemente il cancro colorettale studiando nuovi tipi di test di screening (come gli esami del sangue) e migliorando quelli già in uso. I ricercatori stanno anche cercando di capire se c’è qualche test o piano di screening che funziona chiaramente meglio.

Sono anche alla ricerca di modi per educare e incoraggiare le persone ad ottenere i test di screening di routine che sono oggi disponibili e noti per aiutare a ridurre il numero di morti per questo cancro.

Diagnosi

I ricercatori stanno cercando di definire sottotipi di cancro colorettale. Questo significa raggruppare i tumori del colon-retto sulla base di cose come le mutazioni genetiche nelle cellule tumorali, l’aspetto e il comportamento delle cellule, la velocità con cui le cellule si dividono e le caratteristiche del tumore stesso. Come è stato trovato con altri tipi di cancro, questo potrebbe portare ad una migliore comprensione della progressione della malattia e dei suoi esiti, così come piani di trattamento più chiaramente definiti (medicina di precisione).

Test di laboratorio per aiutare a pianificare il trattamento

I test di laboratorio sono stati sviluppati per aiutare a prevedere quali pazienti hanno un più alto rischio di recidiva del cancro colorettale (il cancro che ritorna dopo il trattamento). Questi test esaminano diversi geni all’interno delle cellule di cancro colorettale della persona. Questi test sono in fase di studio per vedere se possono aiutare a decidere quale sia il piano di trattamento migliore per ogni persona. Potrebbero anche essere utili per decidere se è necessario un maggior trattamento dopo l’intervento chirurgico.

Come i medici continuano ad apprendere di più sui cambiamenti genetici nelle cellule del cancro colorettale, sono anche alla ricerca di modi migliori per prevedere i risultati e regolare i piani di trattamento per ogni paziente. I primi studi hanno già dimostrato che alcuni cambiamenti delle cellule tumorali possono influenzare la risposta a certi farmaci chemioterapici, ma sono necessarie ulteriori ricerche. L’identificazione di cambiamenti che si trovano solo nelle cellule tumorali potrebbe anche portare a migliori test di screening che cercano questi cambiamenti specifici.

Trattamento

I ricercatori sono sempre alla ricerca di modi migliori per curare il cancro colorettale.

Chirurgia

I chirurghi continuano a migliorare le operazioni utilizzate per i tumori del colon-retto. La ricerca che esamina i benefici degli interventi chirurgici laparoscopici e robotici rispetto agli interventi chirurgici aperti (dove vengono effettuati tagli più grandi nella pelle) è comune. Anche l’intervento chirurgico per il cancro rettale eseguito attraverso l’ano, senza tagliare la pelle, è in fase di studio.

La conservazione degli organi – mantenendo il vostro corpo al lavoro come fa normalmente – è un altro obiettivo di ricerca. Per esempio:

  • I medici stanno guardando il momento ideale dell’intervento chirurgico dopo chemio è usato per ridurre un tumore rettale e come sapere quando hanno la migliore risposta in ogni paziente.
  • Gli studi sono anche alla ricerca di modi migliori per riattaccare le estremità del colon dopo che la lunghezza con il tumore è stato rimosso.
  • Chirurgia che salva il muscolo sfintere anale che controlla il passaggio delle feci è un interesse di ricerca sul cancro rettale.

A volte quando il cancro colorettale ricorre (ritorna), si diffonde al peritoneo (il sottile rivestimento della cavità addominale e degli organi all’interno dell’addome). Questi tumori sono spesso difficili da trattare. I chirurghi hanno studiato una procedura chiamata chemioterapia intraperitoneale ipertermica (HIPEC). In primo luogo, l’intervento chirurgico è fatto per rimuovere il più possibile il cancro alla pancia. Poi, mentre è ancora in sala operatoria, la cavità addominale viene bagnata con farmaci chemioterapici riscaldati. Questo mette la chemioterapia a diretto contatto con le cellule tumorali, e il calore è pensato per aiutare i farmaci a funzionare meglio. Alcuni pazienti vivono più a lungo con questo tipo di trattamento, ma sono necessari ulteriori studi per sapere quali pazienti possono aiutare. Sono necessari medici e infermieri con una formazione speciale e attrezzature specializzate, quindi non è ampiamente disponibile.

Chemioterapia

La chemioterapia è una parte importante del trattamento per molte persone affette da cancro colorettale e i medici cercano costantemente di renderla più efficace e sicura. Diversi approcci sono in fase di sperimentazione clinica, tra cui:

  • Sperimentare nuovi farmaci chemioterapici o farmaci già utilizzati contro altri tipi di cancro.
  • Alla ricerca di nuovi modi di combinare farmaci già noti per combattere il cancro del colon-retto per vedere se funzionano meglio insieme.
  • Studio dei modi migliori per combinare la chemioterapia con la radioterapia, terapie mirate e/o immunoterapia.

Altri settori di ricerca sono i modi migliori per identificare, prevenire e trattare gli effetti collaterali della chemioterapia.

Terapia mirata

I farmaci per terapie mirate funzionano in modo diverso dai farmaci chemioterapici standard. Colpiscono parti specifiche delle cellule tumorali che le rendono diverse dalle cellule normali. Diversi farmaci per terapie mirate sono già utilizzati per trattare il cancro colorettale avanzato. I ricercatori stanno studiando il modo migliore per dare questi farmaci e sono alla ricerca di nuovi farmaci terapeutici mirati. Gli studi stanno anche esaminando le cellule del cancro del colon-retto per cercare di trovare cambiamenti genetici specifici (mutazioni) che potrebbero essere mirati come parte del trattamento.

Sono in corso studi per vedere se l’uso di una terapia mirata insieme alla chemioterapia nei tumori in stadio precoce può aiutare a ridurre il rischio di recidiva.

Immunoterapia

Un’interessante area di ricerca è il campo dell’immunoterapia. Si tratta di un trattamento che utilizza il sistema immunitario dell’organismo per combattere il cancro.

Inibitori dei punti di controllo immunitario: Una parte importante del sistema immunitario è la sua capacità di distinguere le cellule normali del corpo da quelle che considera “estranee”. Questo permette al sistema immunitario di attaccare le cellule estranee lasciando da sole le cellule normali. Per fare questo, usa proteine “checkpoint” su alcune cellule immunitarie. Queste proteine agiscono come interruttori e devono essere attivate (o disattivate) per avviare una risposta immunitaria. Le cellule tumorali a volte usano questi checkpoint per evitare di essere attaccate dal sistema immunitario.

I farmaci più recenti che prendono di mira le proteine dei checkpoint sono molto promettenti come trattamenti antitumorali. Le cellule tumorali del colon-retto che hanno cambiamenti genetici specifici, come alti livelli di instabilità dei microsatelliti (MSI-H), o cambiamenti in uno dei geni di riparazione del dismatch (MMR), tendono ad avere molti altri cambiamenti che li rendono diversi dalle normali cellule del colon-retto. Questo potrebbe renderle più visibili al sistema immunitario. Gli studi stanno esaminando se i tumori con questi cambiamenti sono aiutati dal trattamento con nuovi farmaci che si concentrano su questi cambiamenti cellulari.

Vaccini contro il cancro: I ricercatori stanno studiando diversi vaccini per cercare di trattare il cancro colorettale o per evitare che ritorni dopo il trattamento. A differenza dei vaccini che prevengono le malattie infettive, questi vaccini hanno lo scopo di rafforzare il sistema immunitario della persona per trovare e combattere meglio le cellule del cancro colorettale.

Molti tipi di vaccini sono allo studio. Ad esempio, alcuni vaccini vengono creati rimuovendo alcune delle cellule del sistema immunitario della persona (chiamate cellule dendritiche) dal tumore, trattandole con una sostanza che le aiuterà a trovare e ad attaccare le cellule tumorali, per poi rimetterle nel corpo della persona.