Cerca
Cura di supporto per la leucemia linfocitaria cronica
Condividi:

Cura di supporto per la leucemia linfocitaria cronica

Le cure di supporto per la leucemia linfocitaria cronica (LLC) hanno lo scopo di aiutare a risolvere i problemi legati al cancro e al suo trattamento. Non è un trattamento per la LLC stessa. Per esempio, alcune persone con LLC hanno problemi di infezioni o bassi valori ematici. Anche se il trattamento della LLC può aiutarli nel tempo, altri trattamenti possono essere necessari nel frattempo.

Trattamenti per prevenire le infezioni

Immunoglobulina endovenosa (IVIG)

Alcune persone con LLC non hanno abbastanza anticorpi (immunoglobuline) per combattere le infezioni. Questo può portare a ripetute infezioni polmonari e/o sinusali. I livelli di anticorpi possono essere controllati con un esame del sangue, e se sono bassi, gli anticorpi dei donatori possono essere somministrati in una vena (IV) per aumentare i livelli e aiutare a prevenire le infezioni. Questi anticorpi donati sono chiamati immunoglobulina endovenosa o IVIG. IVIG è spesso dato una volta al mese in un primo momento, ma può anche essere dato come necessario sulla base di esami del sangue dei livelli di anticorpi.

Antibiotici e antivirali

Alcuni farmaci chemioterapici (come gli analoghi della purina – vedi la sezione chemioterapia per i dettagli) e il farmaco anticorpo alemtuzumab (Campath) possono aumentare il rischio di alcune infezioni come il CMV (un virus) e la polmonite causata da Pneumocystis jiroveci. Potrebbe essere somministrato un farmaco antivirale come l’aciclovir o il valaciclovir (Valtrex®) per aiutare a ridurre il rischio di infezioni da CMV. Per prevenire la polmonite da Pneumocystis, viene spesso somministrato un antibiotico sulfamethoxazolo (trimetoprim con sulfametossazolo, spesso conosciuto con i marchi Septra® o Bactrim®). Altri trattamenti sono disponibili per le persone allergiche ai farmaci sulfamethoxazolo.

Alcuni farmaci usati per il trattamento della LLC possono anche causare l’attivazione di virus dormienti. Ad esempio, se si è già portatori del virus dell’epatite o del CMV, il trattamento può consentire loro di crescere e causare problemi. Gli esami del sangue saranno effettuati per controllare i livelli di virus. I farmaci possono essere utilizzati per tenere questi virus sotto controllo.

L’uso di farmaci per prevenire le infezioni in questo modo può essere chiamato profilassi anti-infettiva. Antibiotici e farmaci antivirali sono usati anche per trattare le infezioni. Spesso, le infezioni attive richiedono dosi più elevate o farmaci diversi da quelli utilizzati per prevenire le infezioni.

Vaccini

È meglio per le persone con LLC parlare con il proprio fornitore di assistenza sanitaria prima di ricevere qualsiasi vaccino.

Gli esperti raccomandano che le persone affette da LLC ricevano il vaccino contro la polmonite ogni 5 anni. Raccomandano anche un vaccino antinfluenzale annuale (vaccino antinfluenzale).

Evitare i vaccini che contengono virus vivi.

Trattamenti per la riduzione dell’emocromo

La LLC o il suo trattamento può causare un basso numero di cellule ematiche. I bassi valori di globuli rossi causano anemia. L’anemia può farti sentire stanco, con testa leggera o senza fiato per aver camminato. Se l’anemia sta causando sintomi, può essere trattata con trasfusioni. Questi sono spesso somministrati in un ambulatorio. Se il conteggio delle piastrine è molto basso, può portare a gravi emorragie. Le trasfusioni piastriniche possono aiutare a prevenire questo fenomeno.

Nella LLC, un basso numero di globuli rossi e di piastrine può anche essere causato dalla distruzione delle cellule a causa di anticorpi anomali. Quando gli anticorpi causano un basso numero di piastrine, si chiama porpora trombocitopenica immune trombocitopenica o ITP. Prima di diagnosticare questo, il medico spesso ha bisogno di controllare il midollo osseo per assicurarsi che non ci sia un’altra causa per il basso numero di piastrine. In ITP, fare trasfusioni piastriniche non aiuta di solito ad aumentare il conteggio delle piastrine, se non del tutto, perché gli anticorpi distruggono solo le nuove piastrine. Questo può essere trattato con farmaci che colpiscono il sistema immunitario, come i corticosteroidi, l’IVIG e il farmaco anticorpo rituximab (Rituxan®). Un’altra opzione è quella di rimuovere la milza, dal momento che dopo che gli anticorpi si attaccano alle piastrine, sono effettivamente distrutti nella milza. Un’altra opzione è un farmaco che dice al corpo di fare più piastrine, come eltrombopag (Promactac®) o romiplostim (Nplate®).

Quando gli anticorpi causano un basso numero di globuli rossi, viene chiamata anemia emolitica autoimmune (AIHA). Anche questo può essere trattato con farmaci che influenzano il sistema immunitario, come corticosteroidi, IVIG e rituximab (Rituxan). La rimozione della milza è un’altra opzione. Se si sviluppa l’AIHA durante l’assunzione di fludarabina (Fludara®), il farmaco può essere la causa, per cui sarà fermato.