Cerca
Perché le persone iniziano a fumare e perché è difficile smettere di fumare
Condividi:

Perché le persone iniziano a fumare e perché è difficile smettere di fumare

Perché la gente comincia a fumare?

La maggior parte dei fumatori ha iniziato quando erano adolescenti. Coloro che hanno amici e/o genitori che fumano hanno maggiori probabilità di iniziare a fumare rispetto a quelli che non fumano. Alcuni adolescenti dicono che “volevano solo provare”, o pensavano che fosse “cool” fumare.

Gli annunci dell’industria del tabacco, i prezzi e altre promozioni per i suoi prodotti sono una grande influenza nella nostra società. L’industria del tabacco spende miliardi di dollari ogni anno per creare e commercializzare annunci che mostrano il fumo come eccitante, glamour e sicuro. L’uso del tabacco è mostrato anche nei videogiochi, online e in TV. E i film che mostrano i fumatori sono un’altra grande influenza. Gli studi dimostrano che i giovani che vedono il fumo nei film hanno maggiori probabilità di iniziare a fumare.

Una nuova influenza sull’uso del tabacco è la sigaretta elettronica e altri dispositivi elettronici “vaping” high-tech e alla moda. Spesso visti come innocui, e più facili da ottenere e utilizzare rispetto ai tradizionali prodotti del tabacco, questi dispositivi sono un ottimo modo per i nuovi utenti di imparare a inalare e diventare dipendenti dalla nicotina, che può prepararli al fumo.

Chi ha maggiori probabilità di diventare dipendente?

Chiunque inizi a usare il tabacco può diventare dipendente dalla nicotina. Gli studi dimostrano che il fumo è più probabile che diventi un’abitudine durante gli anni dell’adolescenza. Più si è giovani quando si inizia a fumare, più è probabile che si diventi dipendenti dalla nicotina.

Secondo il Surgeon General’s Report del 2014, (SGR), quasi 9 su 10 fumatori adulti hanno iniziato prima dei 18 anni e quasi tutti hanno iniziato a fumare a 26 anni. Il rapporto stima che circa 3 fumatori su 4 fumatori delle scuole superiori diventeranno fumatori adulti – anche se intendono smettere tra qualche anno.

Su 3 giovani fumatori, solo uno smetterà di fumare e uno dei fumatori rimasti morirà per cause legate al tabacco. La maggior parte di questi giovani non ha mai considerato le conseguenze a lungo termine per la salute associate al consumo di tabacco quando hanno iniziato a fumare; e la nicotina, una droga altamente dipendente, fa sì che molti continuino a fumare fino all’età adulta, spesso con conseguenze mortali.

Secondo la relazione del chirurgo generale del 2012

Fumare tabacco crea davvero dipendenza?

La dipendenza è caratterizzata dalla ricerca o dall’uso ripetuto e compulsivo di una sostanza nonostante gli effetti dannosi e le conseguenze indesiderate. La dipendenza è la dipendenza mentale o emotiva da una sostanza. La nicotina è la nota sostanza che crea dipendenza nel tabacco. L’uso regolare dei prodotti del tabacco porta alla dipendenza in molti consumatori. La nicotina è una droga che si trova naturalmente nel tabacco e si pensa che dia dipendenza quanto l’eroina o la cocaina.

Come la nicotina ti colpisce

  • La nicotina e altre sostanze chimiche nel fumo di tabacco sono facilmente assorbite nel sangue attraverso i polmoni. Da lì, la nicotina si diffonde rapidamente in tutto il corpo.
  • Se assunta in piccole quantità, la nicotina provoca sensazioni piacevoli e distrae l’utente da sensazioni spiacevoli. Questo fa sì che il consumatore di tabacco voglia usare di più. Agisce sulla chimica del cervello e del sistema nervoso centrale, influenzando l’umore del fumatore. La nicotina funziona molto simile ad altre droghe che creano dipendenza, inondando i circuiti di ricompensa del cervello con una sostanza chimica chiamata dopamina. La nicotina dà anche un po’ di adrenalina – non abbastanza da notare, ma abbastanza per accelerare il cuore e aumentare la pressione sanguigna.
  • La nicotina raggiunge il cervello in pochi secondi dopo aver preso un soffio, e i suoi effetti iniziano a svanire in pochi minuti. L’utente può iniziare a sentirsi irritato e tagliente. Di solito non raggiunge il punto di gravi sintomi di astinenza, ma il fumatore diventa più a disagio nel tempo. Questo è ciò che più spesso porta il fumatore ad accendersi di nuovo. Ad un certo punto, la persona usa il tabacco, i sentimenti spiacevoli scompaiono e il ciclo continua. Se il fumatore non fuma di nuovo presto, i sintomi dell’astinenza peggiorano nel tempo.
  • Quando il corpo si adatta alla nicotina, i fumatori tendono ad aumentare la quantità di tabacco che usano. Questo aumenta la quantità di nicotina nel sangue, ed è necessario più tabacco per ottenere lo stesso effetto. Questa è chiamata tolleranza. Nel corso del tempo, un fumatore raggiunge un certo livello di nicotina e quindi dovrà mantenere l’uso per mantenere il livello di nicotina entro un intervallo confortevole.
  • I fumatori possono diventare rapidamente dipendenti dalla nicotina e soffrono di sintomi di astinenza fisica ed emotiva (mentale o psicologica) quando smettono di fumare. Questi sintomi includono irritabilità, nervosismo, mal di testa e disturbi del sonno. Il vero segno di dipendenza, tuttavia, è che le persone fumano ancora, anche se sanno che fumare è dannoso per loro, con conseguenze negative per la loro vita, la loro salute e le loro famiglie in modo non sano. Infatti, la maggior parte delle persone che fumano vogliono smettere.

I ricercatori stanno anche esaminando altre sostanze chimiche del tabacco che rendono difficile smettere di fumare. Nel cervello degli animali, il fumo di tabacco provoca cambiamenti chimici che non sono completamente spiegati dagli effetti della nicotina.

La quantità media di nicotina che il fumatore riceve in una sigaretta normale è di circa 1 o 2 milligrammi (mg)….La quantità che si prende effettivamente dipende da come si fuma, da quanti sbuffi si prendono, dalla profondità di inalazione e da altri fattori.

Quanto e’ potente la dipendenza dalla nicotina?

Circa 2 fumatori su 3 dicono di voler smettere e circa la metà cerca di smettere ogni anno, ma pochi riescono senza aiuto. Questo perché i fumatori non solo diventano fisicamente dipendenti dalla nicotina. C’è anche una forte dipendenza emotiva (psicologica). La nicotina influenza il comportamento, l’umore e le emozioni di un fumatore. Se un fumatore usa il tabacco per aiutare a gestire sentimenti ed emozioni spiacevoli, può diventare un problema per alcuni quando cercano di smettere. Il fumatore può collegare il fumo con le attività sociali e molte altre attività. Tutti questi fattori rendono il fumo una difficile abitudine a smettere di fumare.

Infatti, può essere più difficile smettere di fumare che smettere di fumare piuttosto che smettere di usare cocaina o oppiacei come l’eroina. Nel 2012, i ricercatori hanno rivisto 28 diversi studi di persone che stavano cercando di smettere di usare la sostanza che li rendeva dipendenti. Hanno scoperto che circa il 18% è stato in grado di smettere di bere, e più del 40% sono stati in grado di smettere di oppiacei o cocaina, ma solo l’8% sono stati in grado di smettere di fumare.

E la nicotina in altri prodotti del tabacco?

La nicotina nei sigari

I fumatori di sigari che inalano assorbono nicotina attraverso i polmoni alla stessa velocità dei fumatori di sigarette. Per coloro che non inalano, la nicotina viene assorbita più lentamente attraverso il rivestimento della bocca. Questo significa che i fumatori di sigaro possono ottenere la dose desiderata di nicotina senza inalare il fumo direttamente nei polmoni.

La maggior parte dei sigari full-size hanno tanta nicotina quanto molte sigarette. Le sigarette contengono in media circa 8 milligrammi (mg) di nicotina, ma forniscono solo circa 1 o 2 mg di nicotina al fumatore. Molte marche popolari di sigari più grandi hanno tra 100 e 200 mg, o addirittura 444 mg di nicotina. La quantità di nicotina che un sigaro fornisce a un fumatore può variare molto, anche tra le persone che fumano lo stesso tipo di sigaro. La quantità di nicotina assunta dipende da cose come:

  • Per quanto tempo la persona fuma il sigaro
  • Quanti sbuffi vengono presi
  • Se il fumatore inala

Dati questi fattori e l’ampia gamma di dimensioni dei sigari, è quasi impossibile fare buone stime sulle quantità di nicotina che i sigari più grandi consegnano.

I sigari di piccole dimensioni e forma di sigarette hanno circa la stessa quantità di nicotina di una sigaretta. Se queste vengono fumate come le sigarette (inalate), ci si aspetta che forniscano una quantità di nicotina simile – da 1 a 2 mg.

La nicotina nel tabacco senza fumo

Il tabacco senza fumo fornisce un’alta dose di nicotina. La nicotina entra nel flusso sanguigno dalla bocca o dal naso e viene trasportata in ogni parte del corpo.

La nicotina nel tabacco senza fumo è misurata in milligrammi (mg) di nicotina per grammo (g) di tabacco. È stato trovato per variare notevolmente, per esempio fino a 4-25 mg/g per il tabacco da fiuto umido, 11-25 mg/g per il tabacco da fiuto secco e 3-40 mg/g per il tabacco da masticare. Altri fattori che influenzano la quantità di nicotina che una persona ottiene includono cose come:

  • Marca di tabacco
  • pH del prodotto (quanto è acido)
  • Importo masticato
  • Taglio di tabacco

Tuttavia, i livelli ematici di nicotina hanno dimostrato di essere più o meno gli stessi se si confrontano i fumatori con coloro che usano tabacco senza fumo.

Perché è così difficile smettere di fumare?

Fermare o ridurre il tabacco causa sintomi di astinenza da nicotina. L’astinenza è sia fisica che mentale. Fisicamente, il tuo corpo sta reagendo all’assenza di nicotina. Mentalmente, ci si trova di fronte alla rinuncia a un’abitudine, che richiede un cambiamento importante nel comportamento. Emotivamente, potresti sentirti come se avessi perso il tuo migliore amico. Gli studi hanno dimostrato che i fumatori senza fumo hanno altrettanti problemi a smettere di fumare come i fumatori di sigarette che per smettere di fumare.

Le persone che hanno usato il tabacco regolarmente per alcune settimane o più a lungo avranno sintomi di astinenza se improvvisamente smettono di fumare o ne riducono notevolmente la quantità. Non c’è pericolo di astinenza da nicotina, ma i sintomi possono essere scomodi. Di solito iniziano nel giro di poche ore e raggiungono il picco di circa 2 o 3 giorni dopo, quando la maggior parte della nicotina e dei suoi derivati sono fuori dall’organismo. I sintomi di astinenza possono durare da pochi giorni a diverse settimane. Migliorano ogni giorno che una persona rimane senza tabacco.

I sintomi dell’astinenza da nicotina possono includere uno qualsiasi dei seguenti sintomi:

  • Vertigini (che possono durare un giorno o 2 dopo aver smesso di fumare)
  • Depressione
  • Sentimenti di frustrazione, impazienza e rabbia
  • L’ansia
  • Irritabilità
  • Problemi di sonno, compresi i problemi di addormentarsi e rimanere addormentati, e avere brutti sogni o anche incubi.
  • Problemi di concentrazione
  • Irrequietezza o noia
  • Mal di testa
  • Stanchezza
  • Aumento dell’appetito
  • Aumento di peso
  • Frequenza cardiaca più lenta
  • Costipazione e gas
  • Tosse, secchezza delle fauci, mal di gola e gocciolamento nasale
  • Tenuta del torace

Questi sintomi possono indurre una persona a ricominciare a usare il tabacco per aumentare i livelli ematici di nicotina e fermare i sintomi.