Cerca
Radioterapia per la leucemia mieloide acuta (LMA)
Condividi:

Radioterapia per la leucemia mieloide acuta (LMA)

La radioterapia utilizza radiazioni ad alta energia per uccidere le cellule tumorali. Di solito non fa parte del trattamento principale per le persone con leucemia mieloide acuta (LMA), ma ci sono alcuni casi in cui può essere utilizzato:

  • Le radiazioni sono talvolta utilizzate per trattare la leucemia che si è diffusa al di fuori del midollo osseo e del sangue, come ad esempio al cervello e al liquido spinale, o ai testicoli.
  • Le radiazioni a tutto il corpo sono spesso una parte importante del trattamento prima di un trapianto di cellule staminali. Vedere Trapianto di cellule staminali per la Leucemia Mieloide Acuta (LMA).
  • E ‘utilizzato (raramente) per aiutare a ridurre un tumore (sarcoma mieloide) se si preme sulla trachea (trachea) e causando problemi respiratori. Ma la chemioterapia è spesso usata invece, poiché spesso funziona più rapidamente.
  • Le radiazioni possono essere utilizzate per ridurre il dolore in una zona dell’osso invasa dalla leucemia, se la chemioterapia non ha aiutato.

Prima di iniziare il trattamento, il team di radioterapia prenderà delle misure accurate per determinare gli angoli corretti per puntare i raggi di radiazione e la giusta dose di radiazione. Questa sessione di pianificazione, chiamata simulazione, di solito include l’esecuzione di test di imaging come la TAC o la risonanza magnetica.

Il tipo di radioterapia utilizzata per trattare l’LMA è chiamata radiazione esterna del fascio di raggi. Il trattamento è molto simile ad una radiografia, ma la radiazione è molto più forte. La procedura stessa è indolore. Il numero di trattamenti che si ottiene dipende dal motivo per cui si utilizza la radioterapia. Ogni trattamento dura solo pochi minuti, anche se il tempo di preparazione – per entrare in posizione per il trattamento – di solito richiede più tempo.

I possibili effetti collaterali della radioterapia dipendono da dove le radiazioni sono mirate. Sono possibili cambiamenti cutanei simili a scottature solari e perdita di capelli nell’area trattata. Le radiazioni nella zona della testa e del collo possono causare irritazioni alla bocca e difficoltà di deglutizione. Le radiazioni all’addome possono causare nausea, vomito o diarrea. Le radiazioni possono ridurre la conta ematica, con conseguente affaticamento (da un basso numero di globuli rossi), emorragie o ecchimosi (da un basso numero di piastrine) e un maggior rischio di infezione (da un basso numero di globuli bianchi).